L’ormone che ci sveglia regola la

nostra felicità

Si è scoperto che l’ormone orexina (detto anche ”ipocretina”), definito l’ormone “anti-sonno” o del risveglio, governa pure la nostra felicità, e che la sua assenza potrebbe essere legata all’insorgenza di depressione. 

Esso è l’ormone della veglia: è stato scoperto poco più di dieci anni fa in relazione alla narcolessia, malattia invalidante che provoca in chi ne soffre momenti improvvisi di sonno profondo a qualunque ora del giorno.

La scoperta è la conclusione dello studio di Jerome Siegel dell’università di Los Angeles, pubblicato sulla rivista Nature Communications; ed è emerso che il livello di orexina:
-sale quando ci si sveglia e anche quando facciamo esperienze positive, gioiose, quando ci sentiamo felici;
-scende quando si va a dormire e in situazioni stressanti, deprimenti o si prova dolore.


Lo studio ha implicazioni pratiche importanti non solo per chi soffre di narcolessia (la malattia del sonno), ma anche perché è in via di approvazione un farmaco anti-insonnia che agisce proprio disattivando l’orexina. 
Per lo studioso Siegel però bisogna prestare la massima attenzione agli eventuali effetti avversi di questo farmaco, che potrebbe favorire un disturbo depressivo in chi lo assume.